chinafonini.it
Il Sito Guida sui Cellulari Cinesi... e non solo
Dichiarazione di Declino di Responsabilità / Disclaimer
Il titolare di questo sito non effettua rivendita dei dispositivi menzionati e non è collegato con i rivenditori citati.

Questa recensione è stata realizzata
in collaborazione con GearBest

GearBest
La recensione completa del THL L969 Quad-core Android 4 LTE
Pagina 1: Primo contatto e funzionalità telefoniche
di Paolo Tortora
© 2014 www.chinafonini.it


THL L969 LTE Introduzione
Sono entrato in possesso di questo smartphone grazie alla gentile collaborazione del venditore GearBest, che me lo ha inviato affinchè potessi recensirlo in esclusiva per i lettori di chinafonini.it.
Il THL L969 è uno smartphone Android di ultima generazione e rispecchia quindi la tendenza a fornire schermi sempre più grandi su tale tipo di dispositivi, essendo dotato di un display IPS da ben 5 pollici di diagonale. Il cuore del dispositivo è il processore quad-core Mediatek MT6582M, impostato ad una velocità di clock di 1,3 GHz, e il sistema operativo è Google Android nella versione 4.4.2. La memoria RAM presente è di 1 GB, mentre l'ammontare della memoria interna totale è di 8 GB.
Completano la dotazione del THL L969 due fotocamere, una posteriore da 5 Megapixel (13 interpolati) ed una frontale da 0,3 Megapixel (2 interpolati) per le videochiamate, uno slot per schede di memoria microSD, il ricevitore GPS integrato, la connettività WiFi ed il supporto LTE per le reti telefoniche di quarta generazione (4G).
Va subito precisato che il dispositivo è dotato di un solo slot per SIM, il che rende il THL L969 inadatto a coloro che si rivolgono al mercato cinese proprio per il supporto Dual Sim.

La confezione del THL L969 Primo contatto
Il THL L969 ci è giunto nella classica confezione a forma di parallelepipedo, in cartone bianco con una elegante scritta in argento "thl smartphone". La dotazione è apparsa subito molto completa: oltre al dispositivo la confezione contiene infatti una batteria da ben 2.700 mAh, un alimentatore USB per presa elettrica europea, il cavo USB per la ricarica ed il trasferimento dati (del tipo standard USB / microUSB, facilmente sostituibile all'occorrenza), un auricolare stereo dotato di spinotto standard da 3,5 millimetri (anche questo facilmente rimpiazzabile), una breve guida rapida in inglese ricca di immagini a colori per una immediata comprensione dell'utilizzo del dispositivo, una bella custodia semi-rigida a libretto e due pellicole protettive, una delle quali già applicata impeccabilmente all'ampio display.
Sull'aspetto estetico del THL L969 non c'è molto da dire, in quanto tutti gli smartphone odierni sono praticamente identici, con la loro ormai caratteristica forma "a mattonella", ma l'impressione al tatto restituita da questo dispositivo è di una buona qualità dei materiali e dell'assemblaggio, che lo distingue da altri chinafonini, soprattutto quelli "figli di madre ignota", ovvero senza marca o con marchi di fantasia.
Escludendo i tre tasti "a sfioramento" alla base del display, gli unici pulsanti presenti, sul lato destro, sono quelli di accensione/spegnimento e della regolazione del volume. L'obiettivo della fotocamera ed il flash a led sono sul guscio posteriore, sopra la scritta "thl", mentre i due connettori, microUSB e audio, sono sul bordo superiore.
Inutile dire che il L969 è molto grande (145x70 millimetri) e pesante (170 grammi) perchè qualunque dispositivo con schermo da 5 pollici lo è necessariamente.

La dotazione del THL L969 Ergonomia
Difficile parlare di "ergonomia" per questo tipo di apparecchi dato che le dimensioni generose e l'assenza di tasti costringono l'utente ad usare entrambe le mani ed a guardare quello che fa, oltre ad usare letteralmente milioni di movimenti superflui per scorrere pagine e menu, ma davvero non si possono certo imputare questi difetti al THL L969, dal momento che sono caratteristiche comuni ai ben più costosi Samsung Galaxy ed iPhone. Tutti gli smartphone "full touch" sono un autentico dramma dal punto di vista dell'ergonomia e si può solo sperare che i consumatori e le aziende produttrici rinsaviscano presto facendo tornare sul mercato smartphone con tasti fisici (almeno per lo scorrimento e la selezione) e dimensioni più "umane".

Funzionalità telefoniche
E' doveroso ricordare ancora che il THL L969 è dotato di supporto per una sola SIM, visto che molti utenti sembrano dare per scontato che tutti i cellulari cinesi siano "Dual Sim" e non vorremmo renderci complici di un errato acquisto.
Detto ciò occorre sottolineare l'ottimo supporto di questo THL a tutte le reti mobili oggi in voga, compresa anche la nuova rete 4G LTE che permette una velocità di trasferimento dati notevole, almeno nelle zone che già offrono questo servizio. Nella fattispecie il THL L969 supporta, per il protocollo GSM, le frequenze di 850, 900, 1800 e 1900 MegaHertz, per l'UMTS le frequenze di 850, 1900, 2100 MegaHertz e per il protocollo LTE 4G le frequenze di 1800 e 2600 MegaHertz.
La ricezione del segnale è apparsa sempre all'altezza della situazione mentre la gestione delle chiamate è la stessa di tutti i terminali Android che, suppongo, voi che leggete questa recenzione già conoscete.
L'utilizzo dei messaggi di testo, come su tutti gli smartphone full-touch, ovvero privi di tasti fisici, è un po' penalizzato dalla scarsa precisione della tastiera qwerty virtuale (quella che compare nella parte inferiore dello schermo) ma, se non altro, Android è personalizzabile con moltissime tastiere software gratuite, alcune delle quali offrono anche la possibilità di avere i "pulsantoni" tipici della tastiera telefonica, con gruppi di 3 o 4 lettere per ogni tasto (la mia preferita).

(continua a pag.2) ->


Cookie policy